Una passeggiata tra le attrazioni culturali di Radovljica

Una passeggiata nelle vie della città, tra piazza Linhartov trg e altri luoghi di interesse, vi farà conoscere le persone illustri di Radovljica. Per orientarsi più facilmente, vi forniamo anche una cartina geografica.

Iniziate a scoprire Radovljica facendo una tappa in piazza Vurnikov trg, dove potete dare uno sguardo al particolare plastico della città: realizzato in ceramica da Urban Magušar, rappresenta la città tra il XVI e il XIX secolo.

 

Proseguite poi il tour ammirando le ville storiche e in Art Nouveau lungo la Gorenjska cesta. Le ville Šmajdova e Šarčeva ricordano le opere del grande architetto sloveno Jože Plečnik: furono infatti progettate da uno dei suoi allievi, Danilo Fürst, pochi anni dopo la laurea. Nelle vicinanze, di fronte all’edificio della Camera dell’artigianato, si trova una statua che rappresenta l’artigiano dello stemma di Radovljica: un uomo che tiene una ruota nella mano destra e una città nella sinistra.

Il famoso edificio di Radovljica, la cosiddetta Čebelica, ovvero l’“ape”

Sulla Gorenjska cesta si può ammirare un altro famoso edificio di Radovljica, la cosiddetta Čebelica, ovvero l’“ape”, con una caratteristica decorazione sopra l’ingresso, mentre sull’altro lato dell’incrocio si trova l’ex cassa di risparmio, anch’essa dell’inizio del XX secolo. L’itinerario conduce a un piccolo parco in cui si può ammirare il monumento ad Anton Tomaž Linhart e splendidi lampioni in ferro battuto. I lampioni sono opera di rinomati designer e fabbri di Kropa e, continuando poi la passeggiata, potrete vederli anche in alcuni parcheggi e lungo il viale alberato dell’ex parco del castello.

 

Se proseguite lungo la Gorenjska cesta, passerete accanto a villa Resman, con il suo bellissimo giardino, per poi arrivare in piazza Linhartov trg, dove è possibile vedere alcuni esempi della tipica architettura borghese del periodo dal XVI al XIX secolo. Passerete quindi davanti alla casa natale di Anton Tomaž Linhart, in stile architettonico ottocentesco, come alcune delle case adiacenti, decorate con interessanti ornamenti. La piazza si allarga in prossimità della fontana, che è allo stesso tempo un monumento a Josipina Hočevar. Sulla destra si può vedere una serie di ex case artigiane risalenti al XVI e al XVII secolo. La più interessante è senza dubbio la Šivčeva hiša con la galleria, assolutamente meritevole di una visita.

Šivčeva hiša (Casa Šivec)

Al termine di questa fila di case degli artigiani, potete proseguire a destra, dirigendovi verso il punto panoramico da dove potrete godere di una splendida vista sulla valle del fiume Sava e sulle Alpi Giulie. Da qui ci si dirige al vecchio cimitero dove, adiacenti al muro, spiccano due tombe, costruite secondo i progetti dell’architetto di Radovljica, Ivan Vurnik, che è sepolto qui, insieme alla moglie e al figlio.

La statua dedicata allo storico dell’arte Cene Avguštin

 

Dal cimitero si ritorna al punto panoramico, ma, qualche metro prima di arrivarci, vi consigliamo di salire le scale e destra della strada, risalendo tra le case. Il sentiero conduce alla pittoresca piazza antistante la Chiesa di S. Pietro, dove è possibile vedere una mostra sullo sviluppo urbano di Radovljica. Qui si erge inoltre una statua dedicata allo storico dell’arte Cene Avguštin.

Veža v Radovljiški graščini

Dopo aver ammirato gli edifici vicino alla piazza della chiesa, potete visitare il palazzo di Radovljica. I locali al primo piano sono stati ristrutturati nel 2021 e ospitano il Museo dell’apicoltura e il Museo cittadino di Radovljica, con una mostra sulla vita e l’opera di Anton Tomaž Linhart. Proseguite svoltando a destra presso la casa Lectar, quindi camminate lungo la Trubarjeva ulica, che conduce all’ex parco barocco.

 

Passeggiate sotto gli antichi tigli, passate accanto alla tomba del NOB (Fronte jugoslavo) verso il Grajski dvor, anch’esso opera di Ivan Vurnik, quindi tornate indietro e percorrete il viale di carpini, ammirando i caratteristici lampioni, verso piazza Linhartov trg. Alla fine del viale alberato, vedrete Villa Savnik, un’altra opera di Ivan Vurnik, quindi arriverete all’incrocio davanti al centro storico.

Savnikova Vila in hiše ob vstopu na Linhartovem trg

Attraversate l’incrocio e scendete per la ripida stradina fino al fossato difensivo medievale, l’unico fossato difensivo cittadino della Slovenia ancora conservato. Attraversatelo, girate a sinistra verso la casa con una statua della Madonna con il Bambino sull’angolo: è la casa natale dell’architetto Ivan Vurnik. Proseguite lungo la strada, quindi imboccate il sentiero carrabile che vi riporta al punto di partenza, sotto le mura del parco Radovljica.

Casa natale di Ivan Vurnik

Mappa del percorso

Notizie correlate

Uno dei centri storici più belli della Slovenia

Il cuore e l’anima di Radovljica è il Linhart trg, la piazza Linhart, che conquista con la sua architettura varia e autentica. 

Lo stile Secessione a Radovljica

Passeggiando per le strade di Radovljica, potrete ammirare vari edifici in stile Secessione, come la cosiddetta Čebelica, la villa Beli dvor, la villa Šarčeva e la villa Šmajdova.

L’eredità dell’architetto nella sua città natale

Venite a scoprire le opere di uno dei migliori architetti sloveni nella sua città natale.

Il monumento principale di piazza Linhartov trg

Il palazzo, dallo stile architettonico settecentesco, ospita al suo interno musei, musica ed eventi.

Fondatore del teatro sloveno

Il monumento al primo drammaturgo sloveno, Anton Tomaž Linhart, è opera di uno scultore locale.

Cookie per analisi
Sono utilizzati per registrare l'analisi di oscurità del sito Web e fornirci i dati per fornire un'esperienza utente migliore.
Cookie per social network
Cookie richiesti per i plug-in per la condivisione di contenuti da siti di social media.
Che cosa sono i cookie?
Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all’utilizzo e alla registrazione dei cookie.OK Ulteriori informazioni sui cookie