Chiesa di Maria Ausiliatrice

Ljubno divenne un’importante meta di pellegrinaggio in seguito a un evento miracoloso verificatosi nel XVII secolo.

Tra le pittoresche stradine del villaggio di Ljubno, si erge la chiesa di Maria “colpita ”. Ljubno smise gradualmente di essere meta di pellegrinaggio nella seconda metà del XIX secolo, quando i pellegrini iniziarono a visitare la vicina Brezje.

 

LA LEGGENDA DI MARIA “COLPITA ”

Durante i lavori di ricostruzione della chiesa del XVII secolo, avvenne un evento miracoloso che trasformò la chiesa di Ljubno in un’importante meta di pellegrinaggio. Il singolare evento diede inoltre alla chiesa il nome di Maria “colpita ”.

 

Durante la ricostruzione della chiesa nel 1692, la statua di Maria Ausiliatrice fu riposta in un capanno dietro la chiesa. Gregor Eržen, uno dei muratori che stava lavorando alla ricostruzione, aveva una fidanzata di nome Maria. Quando passò davanti alla statua di Maria nel capanno, disse che la Madonna aveva occhi bellissimi, ma che quelli della sua Maria erano ancora più belli. A quel punto gli parve di vedere che la testa della statua si fosse mossa, come in segno di diniego. L’uomo si arrabbiò talmente che colpì la statua con un martello. Dalla crepa che si formò, iniziò a sgorgare sangue che pareva non volersi fermare. L’allora parroco Adam Gregor Engelman fece chiamare lo scultore che provvide a riparare e ridipingere il punto della statua che era stato danneggiato. Ma invano, perché la crepa è visibile ancora oggi. Il muratore Gregor, per riparare al danno provocato, andò in pellegrinaggio a Roma. Quando tornò, dopo due anni, e si inginocchiò davanti alla statua di Maria, ella gli sorrise, in segno di perdono.

Dopo l’evento, la statua di Maria fu posta sul trono dell’altare maggiore e la storia fu dipinta nell’arco del presbiterio.

 

L’interno della chiesa

Il soffitto della navata rettangolare è composto da un arco acuto dipinto. Il presbiterio, sul quale è raffigurata la storia di Maria “colpita ”, è gotico. 

L’altare principale era inizialmente dedicato a S. Lorenzo, la cui pittura fu sostituita dopo il 1692 dalla statua di Maria “colpita ”. Attorno all’altare sono appese numerose immagini votive, tra cui un ex voto di un conte di Petrinje, in Croazia. Una delle immagini più interessanti mostra una confessione ben eseguita e mal eseguita.

Gli altari laterali sono in pietra, realizzati negli anni ‘60 nel laboratorio di Janez Vurnik.

 

Storia della chiesa

I primi documenti che menzionano la chiesa, originariamente dedicata a S. Lorenzo, risalgono all’anno 1377. Dopo l’evento miracoloso avvenuto nel XVII secolo, la fama della chiesa si espanse rapidamente e iniziò ad attirare un numero sempre crescente di pellegrini. Nel XVIII secolo si decise di costruire una nuova chiesa, a cui venne successivamente aggiunta la cappella dei Tre Re Magi. Nel 1820 la chiesa fu gravemente danneggiata da un incendio, ma l’altare principale rimase intatto.

Il campanile, indipendente, è stato eretto nel XVIII secolo.

 

Notizie correlate

Centro di pellegrinaggio con opere di uno dei maggiori architetti sloveni

La Basilica di Brezje merita sicuramente una visita, per ammirare la bella immagine di Maria Ausiliatrice e le opere dell’architetto Ivan Vurnik e di altri artisti sloveni.

Gorenjska vas, piena di affreschi

Case, ricche di affreschi, si stringono l’una all’altra sul pendio presso l’ex chiesa di pellegrinaggio di Marija Udarjena (Maria “colpita ”). 

Naziv vsebine

Ecco i più importanti ed amati eventi che avranno luogo quest'anno a Radovljica.
Cookie per analisi
Sono utilizzati per registrare l'analisi di oscurità del sito Web e fornirci i dati per fornire un'esperienza utente migliore.
Cookie per social network
Cookie richiesti per i plug-in per la condivisione di contenuti da siti di social media.
Che cosa sono i cookie?
Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all’utilizzo e alla registrazione dei cookie.OK Ulteriori informazioni sui cookie